Esfera: una proposta “tappabuchi” o una futura rivoluzione?

0
605

Dopo aver elencato le funzioni base (anche un po’ scomode in realtà) che di certo non possono mancare, andiamo a vedere alcune delle possibilità che potrebbe aprire questo piccolo tool. Lo stesso Pablo, tanto per cominciare pensa ad alcune interazioni che si potrebbero avere trascinando la sfera di una finestra sopra quella di un’altra: se si tratta di due Nautilus, o di due Firefox, mi ritroverei ad avere una sola finestra, e due schede al posto delle due finestre. Spostando la sfera di Totem su quella di PiTiVi potrei avere il video che avevo aperto in Totem pronto per essere modificato nell’ editor video, e stessa cosa si potrebbe fare con Gimp per le immagini. O ancora, se avessi un documento di Open Office aperto, muovando la sfera su una finestra di Nautilus, il documento verrebbe salvato nella posizione aperta con Nautilus.

esfera - Esfera: una proposta “tappabuchi” o una futura rivoluzione?

Se già questo potrebbe sembrare molto interessante, Pablo prova a spostarsi poi su concetti (in realtà già pensati e cestinati in passato) di user interface: disegnando un semicerchio con la sfera, infatti si potrebbe accedere al “lato B” della finestra aperta, per vedere attività relative all’applicazione in uso (come la cronologia dei documenti aperti, o la possibilità di scrivere delle note). Ma se la rotazione delle finestre potrebbe essere la riproposizione di un tentativo già fallito, ecco che si potrebbe pensare ad un innovativo “livello” che una volta aperto offre una nuova modalità di interazione con il programma. Ad esempio, in Nautilus, spostandosi sopra le icone si potrebbero visualizzare molte informazioni rilevanti, o alcune note.

Insomma, questa proposta è molto interessante, anche per lo stesso Shuttelworth, che l’ha resa nota pubblicando quella che inizialmente era una email privata. Nel frattempo, attendiamo la fine di Aprile per vedere cosa succederà alle nostre finestre.