Recensione – Powermat Portatile, Basta Fili!

0
610

Analisi - Powermate Base

powermat copy - Recensione - Powermat Portatile, Basta Fili!

Dopo aver analizzato in maniera dettagliata la tecnologia alla base di Powermat, è giunto il momento di analizzare la base, componente fondamentale per il funzionamento del prodotto. La versione in prova per questa recensione è il modello Portatile che differisce da quello standard per la possibilità di ripiegarlo su se stesso e riporlo in una pratica valigetta per il trasporto.

powermat19 - Recensione - Powermat Portatile, Basta Fili!

La base si presenta in dimensioni di 1,2 cm x 31 cm x 11,5 cm (A x L x P) con possibilità di ricaricare fino a tre periferiche, grazie ai 3 punti di accesso, e una periferica esterna grazie alla presenza di un connettore USB. Il design è molto sobrio ma curato nei minimi particolari senza appunti per quanto riguarda l’assemblaggio generale del prodotto.

powermat8 - Recensione - Powermat Portatile, Basta Fili!

Nella parte inferiore troviamo, su ogni punto di accesso, quattro gomini in plastica per migliorare il grip su superfici lisce; nella parte anteriore invece, partendo dal basso, è presente una linea di colore verde e il logo, in bella vista, Powermat. Anteriormente, su ogni punto di accesso, si fa spazio un piccolo led di colore Bianco utile a monitorare l’avvenuto collegamento tra la base e il ricevitore.

powermat20 - Recensione - Powermat Portatile, Basta Fili!

Nella parte posteriore, infine, è presente un jack per il collegamento dell’alimentatore, due pulsanti (uno adibito ad aumentare/diminuire il livello di luminosità dei Led e l’altro utile ad aumentare/diminuire il volume del bip di sincronizzazione tra punto di accesso e ricevitore). Ogni qual volta che andremo a collegare un ricevitore con la base, la stessa emetterà un bip per confermare l’avvenuta sincronizzazione tra i prodotti.